accedi   |   crea nuovo account

Il mio portatile è un toshiro... boh

T'immagino lucertola
spampanata al sole,
senza coda strisciar sul costone,
della prima crepa color caramello,
lì e poi là,
spenzolando t'anfratti nella paranoia.

Sì,
ha un colore quell'intonaco,
era pietra d'antica fornace,
quando ardeva,
di soppiatto mani amorose
stendevano fior di cannella
e si spandevano gli aromi.

Un dì eri polline della mente,
una vera ragione non c'era,
eri il bello d'un pensiero,
fervor di sentimento,
ma strisciavi,
svicolavi,
aborto di idee sublimi.

Quell'aggrumo di pesto ammuffito,
espelli di bave vitali,
neppure la pioggia lo scioglie,
non è è più color caramello,
ma sfumate di ragano bastardo.

O OPLÁ
un salto nel blu
e code di stelle sparpagliano nuance,
chiara si fa la cometa dei re magi,
è ancora trasudare per un po',
ma poco,
poco, poco,
un grezzo, bifolco, spadroneggia,
avverto del cuore il pulsare,
non affascina,
è un misantropo,
ma le anime, per mano si tengono.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Raffaele Arena il 10/10/2011 22:13
    Perche' il mio portale e' un toshiro... bho. E credi davvero ancora al presepe? Tante immagini di un tempo che e' stato e di un tempo che e' ora. Difficile, difficilissimo. Complimenti, bella composizione.
  • loretta margherita citarei il 10/10/2011 17:47
    molto originale complimenti
  • Anonimo il 10/10/2011 13:31
    Mi piace il tuo scrivere. Bella.
  • Anonimo il 10/10/2011 09:29
    Poesia particolare, letta e riletta... Brava


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0