accedi   |   crea nuovo account

Io scomparirò

Sento ancora l’odore della terra
che calpestavo nelle estati torride della mia quasi maturità.
Le passavamo insieme, i miei amici musicanti ed io, quelle stagioni di fuoco, muovendoci senza fretta su auto stipate dei nostri corpi sudati.

E quando non si era in viaggio, si suonava, spendendo il tempo sul palco; altrimenti camminavamo su quella terra,
quasi a prendere possesso di un territorio che nostro non sarebbe mai stato, nemmeno per il breve volgere di un’estate.

Eppure sentire quella terra che si legava ai nostri piedi, un suolo così diverso da quello che eravamo abituati a calpestare d’inverno, che invece sapeva di freddo, catrame e cemento, ci faceva sentire disperatamente padroni del mondo!

Ora quando risento quell’odore provo la malinconia dell’assenza ma le emozioni fantastiche che mi hanno promosso a uomo valgono bene qualche lacrima!

"e sono ebbro della terra
che si lega alle mie scarpe
(se scarpe ci sono...)
ebbro della terra"

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • sara rota il 06/06/2007 16:25
    Sembra un bel racconto di vita vissuta tra amici, tempo libero, una vita ricca di spensieratezza, ma anche fatiche. Davvero bella.
  • Alessandro Sampietro il 06/06/2007 10:21
    Grazie anche a te, Alfonsa!
  • Alessandro Sampietro il 25/05/2007 09:07
    Grazie, Nelida! Tengo molto a quelle perole perché sono un omaggio a Bobo, il nostro bassista, un grande!
  • Anonimo il 23/05/2007 17:41
    Quasi un racconto di un tempo pieno di energia e potenza creativa, quando si è ubriachi di vita. bella. mi piace. la sento addosso. odori compresi. bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0