PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le tue fanghiglie

Rantolano lungo calli romiti
illusioni decrepite, logorate
da rimbombi franati e sordi
di eclatanti sberleffi in volto.

Trituri vergini germogli tu!
Con stolti sconvolgimenti,
obbrobriosità di pensiero
falcidiano intenti sinceri.

Trasformi carezze in graffi
confondi vecchie ferite tue
con corteggiamenti timidi,
crei cortecce all'egoismo.

Quello sguardo bugiardo
trae in inganno l'ingenuo,
il prostrarsi alle paranoie
rende stupido il desiderio.

Lasciarti nelle tue fanghiglie,
è il minimo verso la salvezza,
lontano dal tuo vivere opaco
di visionaria delirante e sola.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 28/07/2008 09:27
    D'accordo con Luca... sull'analisi della poesia... anch'io amo andare fuori tema... anche l'uomo può sviluppare la sua parte femminile... ed attingere a questo intuito... a questa intelligenza superiore... ok chiedo venia...
  • sara rota il 20/06/2007 18:43
    Non mi convince, troppo particolareggiata...
  • augusto villa il 06/06/2007 10:01
    È una bellissima poesia, ricca di sentimento che riesci a trasmettere con estrema abilità a chi legge...
    Ottima la chiusa... ma che dico?... Ottima tutta!
    10 Ciao!
  • Diana Moretti il 28/05/2007 19:02
    i tuoi versi lacerano di una violenza appena assopita ma che ribolle potente e che schiaffeggia nonostante la ricercatezza formale..
  • alberto accorsi il 24/05/2007 22:28
    Ricca, complessa, intrigante.
    Ma che fatica!
  • Anonimo il 23/05/2007 22:33
    Complimenti Silvano è veramente molto toccante. Mi è piaciuta tanto. Troppo vera, che sofferenza. Ciao
  • Anonimo il 23/05/2007 22:17
    Leggere i tuoi versi è tornare alla follia del passato sempre presente. Non restare fermo su questi pensieri, vai oltre, lo vuole la nostra mente delirante e bisognosa di pace e amore condiviso, sentito, esperito. Mi hai fatto soffrire, ma conosco questi passi.
  • Notari Silvano il 23/05/2007 20:26
    Ringrazio per questo immediato riscontro per un testo appena postato. Silvano
  • roberto mestrone il 23/05/2007 20:10
    Lirica molto amara... ma toccante..
    spero che tu incontri la serenità... Silvano...
    Ro
  • Sabrina Del Prete il 23/05/2007 16:42
    molto bella, coinvolgente nella lettura e ricca di sentimento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0