username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fortunello

Un dilemma mi assale
esistenziale
Sono fortunato?
Ho ricevuto nella postal cassetta
una richiesta a me indirizzata
da un volenteroso postino portata.
Il mio vicino non l'ha avuta, ah ah ah!
Sono più importante di lui,
più istruito, più saggio e più bello,
infatti posta per me c'è
in una busta che ne pesa tre.
L'ho aperta con mano tremante:
lette righe su righe, istruzioni e caselle
non ho capito un'elle
Era l'Istàt che mi chiedeva
fatti privàt, con chi abitàv,
come campàv, setanto o poco mi lavàv
e dalle e dalle, domande rompiballe
Una però m'ha fatto piacere:
"Saresti disposto a iniziare un lavoro entro due settimane?"
Certo che sì, lo cerco da tant'anni!
Scrivo, scrocetto, compilo come un matto
- Lavorerò, Cesira, mi hanno chiamàt!
La mia donna mi ha fatto una carezza,
intenerita dalla mia certezza
ed è uscita per andare a far le ore
(in nero) da certe signore.
Per non perdere tempo sono andato
a consegnare le risposte alle poste
correndo a perdifiato.
Al ritorno il vicino fermato mi ha,
mi ha chiesto e mi ha riso in faccia: - Ah, ah, ah!
Ma credi ancora ai censimenti?
Non ti sono bastati i precedenti,
che non hanno cambiato niente?
Sicuro come il cacio con le pere,
sono una grande presa per il sedere!

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 12/10/2011 14:06
    molto ironica bravo
  • Ada Piras il 12/10/2011 11:28
    Chissà se lo faranno tutti o solo i soliti "fortunelli"... ironia della realtà.
  • Fabio Mancini il 12/10/2011 08:29
    Veramente il censimento ha un altro fine: sapere quanti siamo, perché nemmeno loro lo sanno! Riguardo alla "prese" hanno iniziato da un pzzo e non vogliono più smettere. Un saluto cordiale, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0