accedi   |   crea nuovo account

Saltava i fossi

Saltava i fossi, specchi
di ragni d'acqua.
La fila di pioppi, dritta
nella terra grassa,
tagliava l'ovest dell'autostrada:
forte il frastuono
sui muri del cimitero.

Nella via scura di tronchi neri
i tigli nascondevano amori
e la misera croce di ferro
battuta d'arabeschi.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Bruno Briasco il 14/10/2011 12:26
    "... i tigli nascondevano amori
    e la misera croce di ferro
    battuta d'arabeschi".

    Una bella immagine evocativa. Molto ben scritta e, seppur sintetica, evoca antiche vite.
  • Roberto Cesari il 14/10/2011 09:17
    un ringraziamento a tutti
  • Michelangelo Cervellera il 13/10/2011 21:12
    Mi piace il tuo stile, un'introspettiva che cela l'origine, le immagini che evocano le tue parole sono forti.
    Michelangelo
  • Stanislao Mounlisky il 13/10/2011 18:47
    Acquazzoni della vita. Bella
  • loretta margherita citarei il 13/10/2011 18:11
    originale notevole complimenti
  • vincent corbo il 13/10/2011 16:21
    Uno stile personale caratterizza le tue poesie, con belle immagini che evocano ricordi lontani.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0