username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fermata di tram

Ci salutammo per l'ultima volta,
quella sera alla fermata del tram.
Una pioggerella cadeva leggera,
e per ripararci apristi il tuo ombrello.
Osservavo con apprensione il tuo viso,
sperando trapelasse qualcosa,
ma non riuscii a scorgerci nulla.
Evidente tensione durante l'attesa.
Le parole uscivano avare,
e il tempo stringeva.
Eppure doveva pur esserci qualcosa da dire!
Ma cosa! Tutto sembrava banale,
tutto era stato già detto,
ed allora!... bisognava solamente aspettare,
aspettare l'arrivo del tram.
Si profila distante, in cima alla via,
la forma sua verde, lentamente
sempre più si avvicina, ora è qua,
e le persone sono intente a salire.
Ci guardammo per un ultima volta,
tristi i suoi occhi, appena accennato il sorriso.
Ore diciotto, su un amore è calato il sipario.
Lentamente la mia mano traccia un saluto.
Il tram è partito.
Sulla via bagnata, si riflettono
dei lampioni le pallide luci.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 19/10/2011 10:44
    bisognava solo aspettare... l'arrivo del tram... la fine di un amore... bellissima capitano un bacio carla
  • loretta margherita citarei il 14/10/2011 17:43
    molto bella , complimenti bruno

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0