PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nidi vuoti

In primavera un uccello cantava
lavorava a costruire il suo nido
per lungo tempo ha covato
ha sfamato i suoi piccoli
sempre con la bocca tesa.

Poi è venuta l'estate
e il nido è rimasto vuoto
ora il vento di tramontana
l'ha distrutto sull'albero spoglio.

Anche la mia casa è vuota
e lentamente si concede ai ragni.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ettore Vita il 15/10/2011 22:15
    Un figlio mi ha detto: ci hai ingannati, perché ci dicevi che se studiavamo non avremmo avuto problemi, invece...
    Mio figlio si è laureato in fisica con la lode, ha fatto il dottorato e da 6 anni lavora con contratti a tempo parziale, a volte senza contributi, presso l'università ... sfruttato a 33 anni.
    Un altro si è laureato in ingegneria aerospaziale, ha inviato la sua tesi in giro su internet ed è stato chiamato all'estero per il dottorato, ora lavora a tempo determinato anche se con migliori prospettive...
    Con la mia ex moglie è finita male... e la casa delle vacanze, immersa nel verde, è stata in balia dei ragni...
    Questa è la storia dalla quale è nata la poesia.
    Vi ringrazio per averla apprezzata.
  • loretta margherita citarei il 15/10/2011 17:44
    molto apprezzata complimenti
  • Ada Piras il 15/10/2011 16:51
    Toglili e preparala per un 'altra primavera... come le rondini.
  • cristiano comelli il 15/10/2011 15:34
    Caro signor Vita, il mio punto di vista sulla realtà lo conosce già. Mentre le faccio i complimenti per questa poesia che, ancorchè velata di tristezza, ferma molto la riflessione, dico che se il nido del nostro essere resterà vuoto dipende solo e interamente da noi. L'uomo non sarà mai solo finchè ha sempre se stesso. E solo se ha se stesso può farsi degli amici. Invece vedo con preoccupazione che qualcuno, parlo ovviamente molto in generale, cerca degli amici fuori di sè per fuggire dal se che ha dentro. E questa è la vera solitudine. Cordialità.
  • Anonimo il 15/10/2011 13:08
    Poesia molto triste, sentita Ettore...

    Molto bella.
  • Anonimo il 15/10/2011 13:01
    Bella metafora sulla vita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0