accedi   |   crea nuovo account

A sandro pertini

Avvinto rimasi
dal bagliore frusciante
del socialismo che intarsia nell'uomo
l'idea di essere davvero
solo se si vive per altri uomini;
il sole disegnava
prima intimidito
poi sempre più saldo e maturo
raggi dall'aroma di libertà
mille libri a ricordarmi
come soffici
incantate e incantevoli nenie materne
che ognuno di noi è società
nel grembo di una fraterna società
che il bersaglio dell'avvenire
ha le braccia pronte ad avvincersi
a ognuna delle nostre piccole
ma orgogliose frecce
di impegno civile.
Ragazzo mio
se qualcosa insegnarti seppi
fu di non far genuflettere mai
i tuoi pensieri e la tua schiena
agli annientatori ferocemente precisi
del gabbiano incomprimibile della democrazia;
forse potei chiamarmi davvero uomo
quando germogliò nel mio giardino tremante
il fiore tenero e indomabile del partigiano
in quella terra di Liguria
che sapeva di libeccio e salsedine;
la vita potrà esserti carcere
solo se tu ne farai il tuo carcere
detenuto fui, ignobilmente perseguitato
ma mai le loro unghie insanguinate
graffiare poterono
la mia missione di essere italiano
a servizio, umile eppur maestoso, degli Italiani.
Con te giocai a carte
sull'aereo che scintillava di vittoria
nel calcistico sogno di Spagna
con te piansi e fui sofferenza
quando il pozzo impazzito di Vermicino
divorò i sogni di cristallo
del povero Alfredino.
Fui Sandro e Sandro resterò
se saprete amare la terra che vi ebbe in grembo
come io cercai di amarla
con voi e per voi.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 18/10/2011 15:54
    Bellissima poesia, dedicata ad un Uomo che è un vanto di tutti noi!
  • denny red. il 16/10/2011 06:05
    Bravo e bella!!
  • cristiano comelli il 15/10/2011 23:28
    Personalmente non ho dubbi che nonno Sandro, mi piace chiamarlo così perchè la sua tenerezza dava proprio questa sensazione di nonno, sia stato il miglior presidente della Repubblica. La tenacia con cui si oppose ai soprusi del fascismo non piegando mai la schiena è una formidabile lezione di vita che porto sempre con me. Cordialità a tutti.
  • loretta margherita citarei il 15/10/2011 17:37
    penso che sia stato uno dei pochi presidenti integerrimi ed onesti, un applauso alla sua memoria
  • Ada Piras il 15/10/2011 17:27
    Un gran bella poesia dedica di notevole spessore.. ad un uomo (indimenticabile
    Presidente)di grande valore anche nella sua umanità.
  • Anonimo il 15/10/2011 16:42
    Una persona che si ricorda volentieri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0