accedi   |   crea nuovo account

Inno alla dipendenza

Dall'alto in basso
si libra il mio pensiero.

Nato morto, scivola giù
urtando pareti di sogno.

Mancante all'origine compensa
spostando il bisogno, fuso nel desiderio.

Cresce nel limite ampio della privazione
immaginando distese infinite d'opulenza.

Matura pur nella povertà sociale,
arricchendosi civilmente nella morale.

Vive tranquillo tra influssi ambientali
agognando catene di libertà.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • mauri huis il 29/02/2012 21:55
    Che olimpica serenità e capacità di esporre in versi! Ottimo pure l'uso di ossimori e contrasti presenti praticamente in tutti i distici. Apprezzatissima. Complimenti!
  • mariateresa morry il 08/02/2012 17:22
    La poesia è costruita bene nei versi, con una certa fluidità e rende molto bene il concetto indicato nel titolo. Il primo verso e l'ultimo chiudono ad anello. Mi è piaciuta.
  • Anonimo il 19/10/2011 20:31
    non avevo dubbio alcuno!...
  • Fernando Piazza il 19/10/2011 20:29
    No no... Non mi permetterei mai di fare uno sgarbo simile al buon Nino. Abbandono dunque la competizione e gli lascio il campo libero...
  • Anonimo il 19/10/2011 20:18
    sisi... e mi metterei quasiquasi a flirtare con te.. ma magari il mio buon nino se offende!
  • Fernando Piazza il 19/10/2011 20:08
    Ceeerto, ora che ho cambiato avatar... non più quella triste e lugubre mietitrice... hai notato? Tempismo perfetto!
  • Anonimo il 19/10/2011 19:59
    si ma tanto non me fai paura!!!
  • Fernando Piazza il 19/10/2011 19:41
    Perchè, avevi qualche dubbio? Scherzo... siamo prossimi ad Halloween
  • Anonimo il 19/10/2011 19:04
    grazie! Vedo che anche tu hai gran fiducia nelle mie capacità intellettive!
  • Fernando Piazza il 19/10/2011 18:58
    Chissà chi è 'sto vintage? Mah... (nonmirisponderecheèunadomandaretorica) Fiuuuu... son rimasto senza fiato.
  • Anonimo il 19/10/2011 18:36
    no di vintage qui su PR ce n'è uno tutto gli altri son nessuno... PS:ovviamente Nietzschiano che adoooooooooro!
  • Fernando Piazza il 19/10/2011 18:17
    Vi ringrazio di cuore...
    P. S. Decadente Francesco? Nel senso Nietzchiano e Bergsoniano o piuttosto demodée e sorpassato?
  • Marcello Insinna il 17/10/2011 18:55
    Viva il pensiero, ultimo brandello di libertà! complimenti, mi piace.
  • Anonimo il 17/10/2011 18:01
    welcome back! mi fa sognare questa tua poesia, giusto un po' decadant...
  • Anonimo il 17/10/2011 14:03
    Trovo questa poesia scritta magistralmente e terribilmente attuale...
  • Bruno Briasco il 17/10/2011 13:52
    Molto bella Ferdi... sentita...
  • Anonimo il 17/10/2011 10:25
    ferdy... il nostro pensiero libero, forte supera ogni ostacolo... ogni ristrettezza sociale...
    agognandio catene di libertà... semplicemente stupenda bravo un abbraccio
  • cristiano comelli il 16/10/2011 16:26
    Parole sante, le sue, non vi è nulla che possa prendere in ostaggio il nostro pensiero se non glielo consentiamo. Buone cose.
  • loretta margherita citarei il 16/10/2011 16:20
    particolare originale piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0