accedi   |   crea nuovo account

Viti d'Archimede

E mentre così io parlavo
la luna fredda era appena
sfiorata dalle parole non dette
prima
perché alla luna bisogna sempre
parlare direttamente
come sanno i poeti

e le parole sono come
delle viti di Archimede
girano all'infinito
e sollevano l'acqua
delle maree..

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0