PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Coesione sociale

Passeggio frastornato
tra scie di ideologie
che il tempo ha reso legno marcio
mentre scalpitano nervosi
pensieri disarmonici
sul palco di una compiaciuta confusione;
bandiere che furono
e mai più saranno
sfidano altre bandiere
che si sgomitano per divenire storia
ardono principi intarsiati
dal fantasma timido ma fiero
di una coscienza popolare;
chiedere no so nè posso
che il tempo mi addestri a vivere
secondo la mia essenza reale di uomo
ma il diritto rivendico
di inventarmi piazza
in milioni di altre piazze
con una pace che infrangersi non possa
in vetrine o camionette
bruciate dal fuoco della follia
ma nel silenzio seducente dell'impegno
di compiersi uomini in altri uomini;
eccola
la rivoluzione del cuore e della mente
sempre intenta a corteggiare
la damigella di cristallo
di una matura, consapevole responsabilità
che sia spada incandescente
per fendere l'emergere
di sterili e inconsistenti coprolalie
ed eterni, vigliacchi giochi
di delegare ad altri
un futuro che ci appartiene;
non chiedere a chi ti circonda
di impegnarsi per te
chiedi a te stesso
di scorgerti persistente
immarcescibile, sublime impegno
per essere la tua voce
unica e irripetibile
di coesione sociale-

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 17/10/2011 19:08
    Concordo con quanto espresso dagli altri e in particolare con la sua affermazione: "Vogliamo una realtà più bella? Cominciamo da noi stessi." Complimenti per la sua profonda riflessione.
  • cristiano comelli il 17/10/2011 17:58
    Ed evidentemente ottimo padre ha generato ottimo figlio. Non si viene mai dal nulla, se le basi sono buone la pianta che cresce è ottima. Grazie per il commento e cordialità.
  • Ettore Vita il 17/10/2011 17:54
    Apprezzo tantissimo e condivido.
    Dietro alla mia scrivania avevo messo un foglio con la scritta: gli altri siamo noi.
    Ed un'altra recitava: quando mi porti un problema portami anche una ipotesi di soluzione.
    L'impegno persoinale è importante ad iniziare dalla famiglia e dal lavoro.
    Mio padre mi insegnò l'onestà e il perdono ed io posso dire di avere onorato il suo insegnamento.
  • cristiano comelli il 17/10/2011 17:00
    In realtà, cara Loretta, non è riferita ai disordini a Roma che, sia chiaro, condanno al massimo grado. Io faccio appello innanzitutto al mio cuore di uomo che non può portarmi a vivere con indifferenza e latitanza di impegno verso tutto quanto mi circonda. Vogliamo una realtà più bella? Cominciamo da noi stessi. Cordialità.
  • loretta margherita citarei il 17/10/2011 16:45
    bella poesia, complimenti, anche se penso che i disordini a roma, siano manovrati
  • Anonimo il 17/10/2011 16:29
    La prima vera rivoluzione nasce da noi stessi, dal prendere coscienza del nostro essere uomini veri, dal nostro vivere nella verità vera che ci rende liberi, attenti, diversi. E credo che in questo Gesù possa insegnarci molte cose. Complimenti per i pensieri espressi!
  • Vincenzo Capitanucci il 17/10/2011 14:45
    Se il cuore ha amato... la mente ha violato... e la damigella di cristallo è volata via sempre più lontano dagli uomini...

    Bellissima Cristiano... un sublime impegno di essere la voce... di una coesione sociale..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0