accedi   |   crea nuovo account

Santuzzu Binidittu

Santuzzu binidittu di lu me' paisi,
di animu nobbili e di cori durnisi,
lassasti la famigghia e la 'nnamurata
e isti appressu l'Angiulu ca ti fici strata.

Lassànnuti arreri unuri e ricchizza,
cunsidirannuli sulu munnizza,
comu'na fogghia di lu ventu ti facisti purtari
e la rutta fu cuntenta appena ti visti arrivari.

Ti facisti 'n signu di cruci prima di trasiri
e capisti ca chiddu di Diu era lu vuliri;
chi ni vali aviri tuttu e perdiri l'arma?
pinsasti la notti, quannu tuttu si carma.

Pi cuscinu 'na petra e ppi cuperta lu scuru,
ccu lu Signuri accantu ti sintevi sicuru;
appenna lu suli 'nti la rutta tuppuliau
assiemi a ttia l'Aspicuddu si ruspigghiau.

La cruci 'nti la ritta e 'n libru 'nti la manca
"Lu Signuri è me pasturi, nenti mi manca";
e accussi passasti li jorna di la vita
priannu ccu firvuri e facennu lu rrimita.

E fu tantu l'amuri c'a Diu purtasti
ca quannu muristi t'inginucchiasti,
e Diu vidennuti 'nti dda santa pusizioni
accussì ti vosi 'nta ogni prucissioni.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anna Rossi il 18/10/2011 14:23
    molto apprezzata. ben scritta. poche parole, semplici verità. della poesia respiro universale..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0