PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sport profanato

Ho gli occhi intinti
in una rabbia che non so intercettare
ma che scalpita per vivere e lacerarmi;
ruvidi afflati di asocialità
si arrampicano vigliacchi sull'anima
quando il fischio d'avvio
dà forma e consistenza alla contesa;
la razionalità
riesce a squarciare un angolo di mente
e a evaporare termina
nel rotolare incerto, aleatorio e beffardo
di un'indifferente sfera di cuoio,
il tifo va a gemere
in un angolo di spalti abbandonato
i suoi occhi si cava per sempre
per non dover vedere
lo scagliare il pallone
nel ventre della porta avversaria
diventare missione di sangue e morte;
lo sport si accartoccia su se stesso
come una ragazza orrendamente stuprata
da membra che odorano soltanto di follia
urlano sguaiati e privi di governo
striscioni che esortano a maledire
a graffiare la pelle intarsiata
dai bagliori di una domenica di festa
che non vivranno tanto a lungo
per percepirsi luce;
rigore, espulsione, punizione
più nulla davvero importa
se per ciò che mai fu partita
una partita ancora rantola morta
tra passioni intrappolate
in un vortice assassino di degenerazioni
e vacui ragli di giornalisti affamati di notizie.
Lo stadio si prostra
ancora una volta profanato
e impreca con un frammento di flebile fiato
contro chi lo volle e pensò
cimitero rassegnato
di lapidi di passioni sportive
che mai si scorsero davvero tali.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • luca il 19/10/2011 20:14
    coinvolgente!!! mi e' piaciuta
  • cristiano comelli il 19/10/2011 15:38
    Grazie infinite a entrambi, il mio auspicio è che lo sport ritorni davvero a essere una festa alla larga da inutili esibizionismi, tifo che non si può definire tale se si accoppia con la brutale violenza e demenzialità giornalistiche (non di tutti, ma di molti sì, basta vedere in quali orridi ring si siano trasformati certi "salotti" del calcio). Cordialità e stima.
  • Gianni Spadavecchia il 19/10/2011 15:11
    Molto intensa e anche coinvolgente.."lo sport si accartoccia su se stesso
    come una ragazza orrendamente stuprata" paragone davvero fantastico. Come sempre bravissimo!
  • Vincenzo Capitanucci il 19/10/2011 09:00
    Molto bella Cristiano...

    ... da membra che odorano soltanto di follia
    urlano sguaiati e privi di governo
    striscioni che esortano a maledire...

    tutte le frustrazioni... la rabbia... l'odio... accumulati... si ritrovano e confluiscono nella bacinella dello stadio... di uno sport profanato anche da troppi interessi economici...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0