accedi   |   crea nuovo account

La ribongia

Acqua alla gola
come preda di cannibali
immerso
in una ribongia di pensieri
sto così,
con la lingua
che rimescola parole
come mestolo
nel pentolone cerebrale.
Non sempre facile
è distinguere i sapori
aneliti anelati sul mio collo
discesi giù dai padiglioni
a far baldoria
a danzar
come zulù col gonnellino
e le ossa tra i capelli.
E intanto l'acqua bolle
e ribolle d'oppio antico.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • karen tognini il 18/10/2011 19:19
    Come ti capisco... diventa un minestrone di pensieri...
    originale Ale... Bravo!