PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Visione

Ti rivedo nascosta
sotto un timido pudore
con quegli occhi dilatati
dietro lenti spesse.

Ti rivedo tra gli scogli graffianti
avvinghiata al mio corpo
mentre la tua anima galleggiava distante
e sorridevi beffarda al sole.

Rivivo inizio e fine
di un sogno-avventura-trama di vita
tessuta con l'inganno.

Tu sei la mia Circe
mi hai stregato per sempre
e non riesco più a dimenticare.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0