PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inganno

Ti sei seduta sulle mie ginocchia
ed il tuo peso mi è sembrato dolce
- spudorata-
quando alla prima brina
declamavi i versi
- pro e contro -
ed il destino non sembrava avverso
alle intenzioni.

Non apparivi allora inconsistente
- meretrice -
ho pianto le parole ed i silenzi
sui tuoi ricami di vapori inesistenti
eppure veri quanto dolorosi.

E niente è più com'era un tempo,
quand'anche anch'io bambina riflettevo
sul male, mi sia concesso, ora,
di avere del riposo e un po' di pace,
che non sia tua, in vero,
l'ultima parola,
e se non sia nutrita sia la mia.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0