accedi   |   crea nuovo account

Nascita del prato

Un prato di erba menta
è nato in cima al mio cuore
e come lente sott'acqua
vedo un cavallo andare.
Contro il bianco latte del cielo
s'alza furente la luna:
non volevo fosse notte
questa notte
ora che ho spento
la stella della mia fronte.

Dirò parole d'amore
contro l'amore
e come spighe secche
pungeranno i pensieri.

I baci ricevuti
li restituisco alla pietra
e il mio corpo si serra
in un tronco
in un'alta ciminiera
in ciò che tutto
il grido d'un uomo
non possa violare.

E se torni in Sicilia
portami aranci.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Verdiana Maggiorelli il 04/12/2011 14:03
    Dal tenero prato d'erba menta all'aspro delle arance (è voluto il maschile, albero?). Ma forse l'agrume indica un frutto maturo, pieno... un amore consapevole. È ricca di energia e belle immagini la tua poesia. Scritta, immagino, in un momento di rifiuto e di difesa.
  • luigi granito il 22/10/2011 18:19
    Bello, bello come racconti la fine di un amore, di come ti rendi inviolabile, di fronte a la slealtà di chi amavi
  • Anonimo il 22/10/2011 17:20
    Maria teresa è meraviglioso leggerti. Io ti porto su facebo.-
  • mariateresa morry il 21/10/2011 15:04
    Ringrazio tutti, a me basta che mi leggiate, lo dico davvero con il cuore...
  • Anonimo il 21/10/2011 14:37
    "Dirò parole d'amore contro l'amore..." Complimenti davvero Mariateresa!
  • Ugo Mastrogiovanni il 21/10/2011 09:17
    Melodiosa come una bella musica, pregiata come un quadro d'autore.
  • mariateresa morry il 21/10/2011 09:07
    Grazie a entrambi. Caro Comelli, la poesia è dei miei anni giovanili, pertanto si fa certamente riferimenti ad una mia reazione, come spesso accade di una reazione dettata sì dall'amore ma spesso anche avversa all'oggetto dell'amore, all'altra persona. Non c'è alcun riferimento in merito alla massificazione e/o omologazione dell'amore ( che forse tale non sarebbe più per il fatto che io vivo solo le mie intime sensazioni, e non assorbo nè sono sensibile alle sollecitazioni esterne e di massa. Buona giornata!
  • Salvatore Maucieri il 21/10/2011 02:45
    Brava. Bella corposa. Ciaoooooooooooo.
  • cristiano comelli il 20/10/2011 23:38
    La poesia è interamente bella, mi ha incuriosito segnatamente quel "dirò parole d'amore contro l'amore". Corrisponde forse alla necessità di affermare la propria libertà nel vivere l'amore contro certi tentativi di massificazione e di omologazione? Le sarò grato se vorrà chiarirmi il concetto. Cordialità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0