accedi   |   crea nuovo account

Dopo Mezzanotte

Arcobaleni invisibili davanti agli occhi
restare svegli è soltanto tempo perso
oltre lo specchio le pupille sono ferme
nel buio lo sguardo cerca le stelle
chissà se hai ancora paura di vivere
giusto e sbagliato non hanno più senso
ogni istante del futuro appartiene al passato
alleggerisco il cuore per riuscire a dormire
luci di un paese che non esiste
un'ombra è passata davanti alla finestra
l'incubo è più eccitante della realtà.
Aspettami nel posto più nascosto del bosco
cadrò nella dolce incoscienza del sonno
ed aprirò tutte le porte chiuse,
indosso il più bel vestito nero che possiedo
e solo mi inoltro
nella profondità dele nubi

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 21/10/2011 22:18
    apprezzatissima poesia
  • Alessia Torres il 21/10/2011 16:40
    La notte, con la sua aura misteriosa aura, suscita sempre pensieri fortemente intensi... La tua poesia ha con sé il fascino e l'incanto delle enigmatiche atmosfere notturne...
    Molto bravo!!!
  • Bruno Briasco il 21/10/2011 13:08
    Una chiusa fantastica... Karen mi ha rubato la scena... un abbraccio
  • karen tognini il 21/10/2011 09:39
    La notte è inquieta ma porta pensieri in poesia...
    molto bella Fernando... Aspettami nel posto più nascosto del bosco
    cadrò nella dolce incoscienza del sonno
    ed aprirò tutte le porte chiuse,
    ...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0