PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Liberi... ma da quali catene?

Ateo ed Agnostico
Merce del tuo credo
La mancanza di spirito provi a colmare
Solo il termine "comprare" è contenuto
nel tuo scarno vocabolario
Bibbia delle tue azioni
e delle loro conseguenze
La solitudine ti terrorizza
La brama di compagnia
falsa medicina
risana il tuo vuoto
Deridi e rinunci
a quelli che i tuoi ciechi occhi
intuiscono limiti
E trovi la libertà
incatenato ad un portafogli
che pochi crediti ti dà.
E troppo tardi sarà
quando la tua apparente forza
debolezza si rivelerà.
Come un vecchio televisore
che un epoca ha lanciato
lanciato sarai nella discarica che
di sedici numeri ogni giaciglio
marchiato ha.

Merce del tuo credo
ancora una volta ti chiedo
se questa fine vuoi evitare
ricorda che i soldi non potrai mangiare.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 22/10/2011 22:04
    profonda bella poesia
  • Anonimo il 22/10/2011 21:35
    E trovi la libertà
    incatenato ad un portafogli
    che pochi crediti ti dà.

    Frase forte che rende l'idea centrata nel contesto.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/10/2011 11:28
    Non si può comprare il contenuto dell'infinito... supera i sedici pollici... ed i soldi... non potranno mai colmarlo...

    Molto bella.. Angelo... come evitare la discarica...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0