accedi   |   crea nuovo account

Clandestino

Una cosa soltanto
il mio italiano senza regole
osa implorarti sanguinante;
guarda negli occhi del mio bambino
e ci leggerai la magia
dell'estasi di questo cielo brindisino;
ci vedesti scendere
da una nave mai stata nave
odoranti di una morte
incontrata eppur evitata
non seppe morderci davvero
quel giorno
il destino
quando il canto della bandiera albanese
ci salutò sciolto tra mille lacrime
e chiese tremante alla fortuna
di posarsi sulle nostre pelli.
Clandestino mi chiami
e lo urli da fetide colonne di giornale
ma Dio ci cesellò e chiamò uomini
incastonati tra i bagliori
dello stesso sole e della stessa luna:
mi vedrai, lo sai
tra infinite piantagioni di pomodori
a lasciare impronte di sudore
e tracce di svenimento
mi scorgerai con la coda
del tuo occhio borghese
a lavare piatti in qualche maleodorante cucina
mentre la pizza o la pasta
scintilleranno nel piatto tuo
e dei tuoi amici perbenisti
mi scoprirai intento
a sporcarmi con i pannolini
di tua madre, tuo padre o tuo nonno
perridargli pulizia e certezza
che non sono rimasti soli
di me, allora
mai non vergognarti
non mi chiamare
invasore che non sono nè mai sarò
quando percorrere desidero
la tua stessa strada
perchè tu la scopra anche tua
e io possa colorare il mio sguardo
della tua storia che diventa anche mia.
Se nulla di tutto ciò
ti percuoterà il cuore
fino a prostrarlo all'amore fraterno
allora soltanto
sarai tu il vero clandesitno.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 22/10/2011 21:47
    profonda bella poesia notevole 5 stelle
  • Bruno Briasco il 22/10/2011 21:21
    Bella, significativa e meditativa. Complimenti Cristiano sei stato una scoperta.
  • cristiano comelli il 22/10/2011 21:10
    Sottoscrivo ogni sua parola, Impersonale, ciò che mi fa paura è la clandestinità a cui si sta condannando certa società nel non voler capire che la società multietnica è già nei fatti ed è comunque un arricchimento. Poi se qualcuno vuole dire che immigrazione sia uguale a delinquenza, è sufficiente ricordargli che mafia, camorra e 'ndrangheta sono ""creature" indigene. O si vuole dare la colpa a slavi, senegalesi e magrebini del fatto che esista Cosa nostra? Cordialità.
  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 22/10/2011 20:54
    davvero bella e significativa: traspare amore vero, forte nella sua dolcezza, non mieloso o forzato per retorica!!! Non c'è nessuna rabbia o astio nel confrontare due vite apparentemente così diverse come quelle di un cittadino nel suo paese e di un uomo che cerca di sopravvivere in un ambiente che non è il suo!! Da far leggere a tutti i razzisti, leghisti per cercare di farli tornare sulla retta via del raziocinio!!! Perché non ci sono uomini diversi tra loro: ci sono uomini che soffrono, chi più chi meno in un determinato momento storico, e basta!!! Ed è contro la sofferenza che ci dobbiamo alleare, non alimentarla!!! Complimenti
  • Ada Piras il 22/10/2011 20:33
    E'una bella poesia... clandestino... chi non riconosce nell'altro anche se stesso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0