PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Formula uno

Quando mi scorsi velocità
allora soltanto
fui vera, compiuta identità;
ogni partenza una preghiera
ogni curva una speranza
di saper fendere
i limiti del tempo e della strada
per diventare scintilla di primato
nel luccicare indiavolato di un circus
che si innamora di mille piste
senza mai amarne neppure una
negli occhi d'acciaio dei meccanici
sempre vedo e faccio mia
l'ombra di un successo o di un fallimento
mentre la mia solitudine si agita
tra i confini imprigionanti di un casco
e il carcere seducente di un abitacolo
e quando la bandiera a scacchi
a inchinarsi va
al rumoreggiare assordante della mia fatica
e l'autodromo spegne le luci
fino al ribollire d'una prossima festa
gioioso mi protendo all'urano
lanciando con la fionda del mio rischiare
il ringraziamento per la vera
migliore vittoria
avere rivinto l'esistere
sottraendolo all'ingannevole
minaccioso abbraccio
di giri e chilometri.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 24/10/2011 07:50
    Bella a profonda.. I primi versi hanno aperto le "porte" ad una poesia a dir poco stupenda.. Migliore vittoria aver vinto l'esistere.. Buona giornata
  • loretta margherita citarei il 22/10/2011 21:46
    fantastica le tue poesie coinvolgono fino alla fine, hai una grande capacità espressiva, mi complimento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0