accedi   |   crea nuovo account

Il viaggio

mi promettesti
che insieme avremmo percorso
la strada del reciproco rispetto,
il sentiero della comprensione
accostando le labbra
alla sorgente dell'altruismo
(io avrei vissuto per te, tu per me ).

Ricordo
che mi dicesti anche
che ci saremmo sdraiati sul prato
del perfetto accordo
e che mi avresti regalato
rose alle quali, premuroso,
avresti tolto le spine
per non ferirmi.

Doveva essere il tempio
dell'amore la nostra casa
con il pergolato della felicità
ad accoglier
di notte
i nostri baci, sospiri di stelle.

Ed invece con te
ho scalato
la montagna del tuo egoismo
le cime troppo alte dei tuoi puntigli

traversato la foresta dei tuoi sotterfugi
la boscaglia dei malintesi
la brughiera dell'incomprensioni
la pianura della monotonia
mangiando le aspre bacche
dei tuoi capricci
in tradimenti continui.

Pale di mulino,
giravano a vuoto
le tue inutili parole,
mentre ti crogiolavi
sulla spiaggia dei propri tuoi comodi
ed urtava il mio parlarti
cercando di ricucire
strappi, sulla scogliera
dei tuoi musi senza ragione.

Eri diventato la mia solitudine
il mio incubo
e ti lasciai per tornare a vivere...

Ora vorrei un uomo
che taccia e non mi faccia
promesse...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gabry il 12/07/2012 12:20
    Indubbiamente bella, mi ci ritrovo, e queste son parole che tanti anni fa, mi hanno portato ad una scelta.
    "Eri diventato la mia solitudine
    il mio incubo
    e ti lasciai per tornare a vivere..."
    Bellissima e di gran valore, Brava!.. abbraccio Gabry

16 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 22/11/2011 16:35
    Splendida sia nella forma che nello stile questa tua eccezionale!
  • Ci vorrebbe un commento "super"... ma ti lascio solo poche parole, dal cuore... BELLA, UNICA, COINVOLGENTE... un bel tiro a segno!!!!!
  • mariateresa morry il 23/10/2011 23:10
    Veramente brava nel dare il senso verticistico delle tue aspettative e della cocente delusione.." mangiando le aspre bacche dei tuoi capricci " è un verso notevole... Sulla chiusa permettimi di dire che un uomo che nn faccia promesse è auspicabile per una donna già consapevole di sè, ma non certo un uomo che taccia... magari che parli e che si riesca anche a farlo tacere ... MI è piaciuta molto!!!
  • Giacomo Scimonelli il 23/10/2011 17:02
    notevole... come tutte le tue opere...
  • Alessandro Guerritore il 23/10/2011 09:14
    Versi che esprimono concretezza di un amore che non ha mai posseduto radici, solo effimeri sentimenti, forse, motivati dal gusto del piacere o dal bisogno.

    "Ora vorrei un uomo
    che taccia e non mi faccia
    promesse..."

    La concretezza!
  • Sergio Fravolini il 23/10/2011 07:52
    Promesse... ricordi e una bella poesia.

    Sergio
  • anna rita pincopallo il 23/10/2011 07:13
    stupenda sempre bravissima un abbraccio
  • Raffaele Arena il 22/10/2011 23:37
    L'uomo contemporaneo e' ridicolo. E questa e' un'auto-accusa e eufemistica. Piaciuta, con tristezzza.
  • DOMENICO FRUSTAGLI il 22/10/2011 23:26
    Poesia splendida di una storia molto sofferta.
    Ciao...
  • Anonimo il 22/10/2011 20:58
    Non è bella la tua poesia è splendida! anche se nasconde neanche poi tanto la sofferenza, purtroppo unica vera compagna, di chi aveva deciso di concedersi, vinta dall'apoteosi dell'amore perso dietro promesse, che si sono rivelate poi solo che dolorose illusioni.
  • donatina ceccarelli il 22/10/2011 19:08
    poesia che si perde nelle pagine di un diario, non grida vendetta ed ogni giorno una pagina in più, scitta, con la dovuta tristezza, strizzando il cervello per capire, intuire, chiedersi e rispondersi, un giorno dietro l'altro gonfiando sempre più il cuore e straziando l'anima, lì chiusa in quelle pagine la rabbia che poi esplode come zefiro e diventa solo una dolcissima poesia... finalmente la libertà.
    --------
    grazie per il commento alla mia.
    buona vita Penelope
  • Giuseppe Bellanca il 22/10/2011 18:50
    bella poesia carissima Lor come sempre ciao...
  • Dora Forino il 22/10/2011 18:37
    C'è un detto che dice "Promesse di marinai "ovvero che gli uomini sono infedeli, diffficilmente riescono ad essere fedeli alla propria compagna. Allora cara amica, prima di ripetere lo stesso errore... cerca l'uomo giusto, che abbia valori morali.
  • cristiano comelli il 22/10/2011 18:19
    Sono d'accordo sull'uomo che non faccia promesse, la migliore promessa che un uomo possa fare a una donna è di non farle promesse e di amarla di amore vero e non urlato. Non diamo un nome ai nostri sogni dall'inizio, lasciamo che siano loro, con il tempo, a qualificarsi e a trasformarsi in realtà se sono davvero tali. Dare nome ai sogni, infatti, sembra come imprigionarli in concetti limitati mentre essi desiderano, pre noi e per il nostro bene, volare più in alto. Buona poesia. Cordialità.
  • Salvatore Maucieri il 22/10/2011 16:57
    Bella. brava. Ciaoooooooooo
  • roberto caterina il 22/10/2011 16:49
    Eh sì le promesse spesso non si mantengono specie nelle situazioni amorose.. bella, anche se triste la descrizione dei luoghi come avrebbero dovuto essere e come, invece. sono stati... ma è stata pur sempre la fine di un incubo e forse l'inizio di un nuovo viaggio senza tante promesse, ma con dei luoghi effettivamente da condividere per quello che sono..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0