PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Favola nera

Tutti lo proviamo, prima o poi,
il bisogno di fuggire.
Mi sono seduto su una nuvola
ed ho sussurrato al vento: lento portami con te.
Come una favola nera.
Portami verso le più alte vette dell'angoscia.
Portami verso quello che mi è mancato.
Portami verso il gelo del rimpianto,
non voglio essere solo felice.
Voglio riprendermi quei sentori
delicati di chi per un attimo
mi ha sfiorato.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 23/10/2011 12:06
    bella riflessione complimenti
  • Costantino Posa il 23/10/2011 11:50
    Nella vita bisogna essere coraggiosi... specialmente dopo un evento sfavorevole. Mai abbatersi. Mai porre fine, tanto poi ci si arriva lo stesso. la felicità è giusto inseguirla, senza esaltarsi più di tanto. Il cammino di noi uomini è fatto sempre altanelante, bisogna cogliere del tutto, ogni cosa che in qualche modo soddisfa, completa, emoziona. Stringere i denti, quando è necessario e mostrare i pugni quando è giusto che sia... poi allungare la mano a chi ne ha bisogno, vale più di tante ricchezze. Non voglio annoiarti, la mia età mi permette di guardarmi dietro e nel frattempo sbirciare in avanti. Grazie per il tuo commento, un abbraccio amichevole.
  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 23/10/2011 10:25
    da eterno spirito tormentato brontolone misantropo triste e sofferente non capisco il tuo desiderio: un desiderio masochista ben celato??? a parte tutto credo che ci sia il bisogno in chi vive un momento più o meno tranquillo di assaporare il conflitto dell'anima, di esser sfidato dai venti contrari. Abbiamo bisogno di tenerci allenati nell'affrontare le avversità dell'anima per sentirci preparati quando arriveranno sul serio... Dobbiamo pur sempre nutrire la parte distruttiva, negativa che è in noi; per mettere in atto poi quei meccanismi di protezione del cuore che altrimenti non conosceremo mai di avere... A pensarci bene la tua richiesta non è così incomprensibile: io stessa forse sono così negativa perché di fondo sono una maledetta insicura ed ho sempre bisogno di pensare e vivere il peggio... così da non avere brutte sorprese( peggio di così tanto non mi può andare)... sai sei da ammirare anzi: tu vuoi vivere tutte le emozioni, sei coraggioso! Ci sono persone( come la sottoscritta) che evita la felicità e la positività come una malattia contagiosa... Certo non è una poesia banale la tua: anzi nella sua brevità contiene sottili ma importanti riflessioni quasi "metafisiche"bravo a presto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0