username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un passo indietro

È un vero peccato
ch'io non possa
tornare sui miei passi
- sono appassite l'orme
insieme alle foglie -

Qualcosa m'inventerei
di diverso
uno stratagemma
per salvare
capre e cavoli
invece di perpetuare
all'infinito i disastri
clamorosi e gli orrori
dell'accidiosa guerra
- dov'è che ho sbagliato? -

Potessi rifluire
come il capriccio delle maree
sarei già lontano
da questo scoglio
che non riflette
nemmeno l'orgoglio
- sarei acqua affamata
alla ricerca della sabbia
di sconosciuti fondali
goccia penetrata
al centro della terra -

Ma il presente
occlude gli spazi
e le residue forze
le spendo per limare
quel che resta della spinta
e del rosso delle catene...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • mariateresa morry il 23/10/2011 22:42
    Davvero è così impossibile fare questo passo indietro? Comunque hai descritto benissimo il tormentato pensiero di chi questo passo si rode di non averlo saputo fare...
  • karen tognini il 23/10/2011 12:59
    Il presente occlude gli spazi... cerca di riaprirli se davvero ci tieni... l'orgoglio fa morire i rapporti...
    Bravo come sempre...
  • cristiano comelli il 23/10/2011 12:50
    Caro Salvatore, la poesia è di buona levatura e si lascia scorrere volentierissimo ma credo che più che il rimpianto per quanto non si è vissuto valga l'orgoglio per quanto si è riusciti a vivere. E il non vissuto, finchè abbiamo futuro, è sempre lì ad attenderci. Cordialità.
  • loretta margherita citarei il 23/10/2011 11:57
    è splendida ottime le metafore usate 5 stelle buona domenica carissimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0