PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come tronchi di faggio

Adesso, pacificata e tenera
perché lungamente sono stato in te, occupando
ogni respiro che potevi, annichilita, vinta
dal mio possederti padrone e non sai
fino a che punto sia possibile essere colonia
di un uomo e occhi stralunati ancora verso me alzi,
appagata, umida ancora del mio amore, adesso,
testimoni foglie cadute e foglie cadenti, anch'esse vinte
al vento leggero
di maestrale, freddo quanto basta a un brivido, prepotente
come io prima, adesso, vedi, adesso,
(altrimenti quando?)
mi stordisce la certezza
d'essere io e te
non separabili
come quei due tronchi di faggio attorcigliati.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0