PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ad aspettare il tempo

[Pensando a ieri]:
non restano che sassi calpestati
ricordi diventati rami attorcigliati
che hanno cancellato le pareti
di rughe dal passato mai dimenticato
mattoni smossi e crepe
c'hanno attentato la mia stabilità
sono scosse d'amori
di gioie e di dolori
c' hanno acceso le luci e spento le speranze
dentro le mie stanze
vuote
silenziose
vivo l'abbandono
come un'anima al cimitero
nella tomba sotto il cielo
che mi è entrato dentro nelle ossa
dove le stagioni passano e accarezzano
la mia solitudine...
[eppure
non mi sentivo inutile
quando dentro di me ho ospitato la vita
ho accolto
accudito e riscaldato
immagini sbiadite d'un passato ormai lontano]
un ricordo m' accarezza piano...
... una pianta che ha messo radici
nei momenti più felici
osservo quella casa abbandonata
la vedo allontanarsi dietro il finestrino
come una vecchia
seduta sulla soglia ad aspettare il tempo...
per un attimo mi è parso di sentire
la sua voce che mi chiamava
ma si...
- sarà stato il vento -

 

l'autore laura marchetti ha riportato queste note sull'opera

io ho messo le idee e tu gli hai dato forma... grazie Giuseppe


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 19/12/2011 15:12
    sei brava.. e non mi stanco di ripeterlo...
  • Raffaele Arena il 24/11/2011 00:47
    Un condensato di figure come gotiche (il cimitero, la tomba). Comunque tristi. Originale
  • Anonimo il 25/10/2011 10:45
    come sempre mi emozioni, metti in tavola le idee con una semplicita' e una dolcezza disarmante, scrivi bene, lo sai, davvero molto molto brava
  • Massimo Genovese il 24/10/2011 17:40
    molto bella!! letta tutta con piacere! brava!
  • Anonimo il 24/10/2011 13:31
    Un'ondata di emozioni, ma soprattutto mi è piaciuta la chiusura. Chi ha mamma non trema (spero di non aver intuito male).
  • Vincenzo Capitanucci il 24/10/2011 04:34
    Bravissimi Laura e Giuseppe...è splendida...
  • Salvatore Maucieri il 23/10/2011 21:50
    Bella poesia. Brava. Ciaooooooooooo
  • Giuseppe Bellanca il 23/10/2011 21:12
    Versi stupendi nati dalla tua sensibilità e del tuo vivere la tristezza della tua solitudine che perennemente trascini con te come se fosse sangue d'arterie che si fondono nelle pareti della tua anima...
    ti ringrazio per avermi menzionato ma non ho fatto niente tutti i meriti sono i tuoi
    complimenti... ciao
  • karen tognini il 23/10/2011 21:03
    Stupenda... complimenti ad entrambi.. bellissima...
  • loretta margherita citarei il 23/10/2011 20:40
    molto bella complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0