accedi   |   crea nuovo account

Shalom

Guarda,
fratello creatura di Gaza
quella luna
che incontaminata e cesellata
da un tempo non più tempo
sorride allo stesso modo
al limitare del nostro sguardo;
osserva
come sappia luccicare più forte
del bagliore tagliente
delle lacrime con cui il nostro odio
tenta di spegnerla per sempre
in un angolo di mare abbandonato;
danza fiera la tua stella di David
imperiosa cascata di orgoglio
dell'abramitico popolo eletto
cercando va, lo so
il battito d'ali
di una piccola Palestina
che sogna di essere bambina
in una culla di sempiterna pace.
Ci siamo scoperti confini
senza essere nati confini
in un frastagliato tuonare
di bombe e kamikaze;
ma le nostre bandiere
non si arrendono
al fumo soffocante
di un'acredine
che non vollero
e a cui non consentiranno di prevalere.
Figlio d'Israele
figlio di Palestina
la storia preparando va
un immenso e dorato cortile
in cui saprete un giorno
percepirvi gioco soave
di un'immarcescibile fratellanza.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • cristiano comelli il 24/10/2011 21:25
    Intanto Shalom a tutti, la pace sia sempre con voi. Non preoccupatevi, è solo un augurio non voglio celebrare una santa Messa sul sito. Scherzi a parte, ricordo che Sharon fece un'apertura importante dichiarandosi disponibile a ritirare i coloni israeliani dalla striscia di Gaza. Sull'altro lato, auspico che l'ala moderata di Fatah metta definitivamente a tacere gli ignobili squali di Hamas che pensano di fare valere il diritto a un loro territorio solo attraverso i kamikaze e gli attentati dinamitardi. Ogni volta che un israeliano e un palestinese muoiono, mi sento morire anch'io. E vorrei avere a disposizione migliaia di vite mie per restituirla a ognuno di loro. Come vorrei avere potuto dare ieri subito un respiro al povero Simoncelli, perdonatemi la digressione, perchè continuassero a rombare le sue emozioni in pista. Ma siamo tutti sotto un disegno divino, così la penso. Le cose avvengono e vi è un perchè, anche se non lo intuiamo. Un grande abbraccio fraterno a tutti.
  • Anna Rossi il 24/10/2011 17:43
    una composizione mirabile. nello stile, nel significato profondo. e nell'auspicio che consente di guardare al futuro con più ottimismo. ne abbiamo bisogno. i miei complimenti, come sempre!.
  • karen tognini il 24/10/2011 17:42
    Saremo tutti felici... ma vedremo mai la pace?-... la luna sorride a tutti senza preferenze...
    bravissimo...
  • loretta margherita citarei il 24/10/2011 17:39
    mi caro amico, mi domando, se un giorno vedremo la pace in questa terra, grande sensibilità in questi versi, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0