PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Battaglia a San Giovanni

Il fumo scuro e nero
macchiava e decorava
anche l'ultimo pezzetto di cielo di San Giovanni.

Il frontone sulla piazza vuota
è scomparso dalla mia vista
e grida e tensioni e di confusione
l'aria è pazza.

Che quei padroni lì
con la puzza a naso
sui troni,
dai troni siano abdicati

Che di una società nuova
singhiozzi la folla gemita
o almeno a provarci..
a gemitar più forte

"Ma non è questa la decantata rivoluzione!"
scagliosa la disperazione
della proprietaria dei combustili per roghi

"Ancora a parlar di rivoluzione?"
intonato coro con moraleggiante intonazione
che si scaglia contro una pietra colta nell'intento
di un crollo bancario,
di un crollo in borsa,
di una ipocrisia di massa.

E cosi' quella fuga che
Cagol non terminò
E cosi' quel torero che
Carlo Giuliani non azzannò
E così quella fame che l'incazzato
perbene non può avere

sospesa tra una strada, San Giovanni, e l'altra strada
si mantiene

E portaron dentro della gente i celerini
e costrinsero al condanno e al gabbio la loro anima innocente i celerini
e così il fumo nero e scuro decorava
anche l'ultimo giorno sicuro..
a San Giovanni.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • marzia il 27/04/2012 20:23
    una vera guerra.
    persone convinte d ciò che facevano
    persone impaurite
    persone stupide... messaggi sbagliati e al tempo stesso positivamente allarmanti...<3

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0