accedi   |   crea nuovo account

Sonetto romano

E mo er sor Gino
se fa du' spaghetti
co' ajo, olio e peperoncino
e n'aggiunta de pollo petti.

Er vino de li Castelli
mancar mai nun deve,
e ne li calici belli
in quantità ne beve.

Po' co' na panza
come na botte,
gira e rigira ne la cupa stanza.

Ar fin canta e nun cio sa,
che stonato è
come na farsa.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0