PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Verrà quel giorno

Verrà quel giorno
in cui avvolto
in un penoso manto giallo
mi avvicinerò a Te.

Verrà quel giorno
in cui ebbro di sonno
mi abbandonerò
a quell'ora di grigio torpore.

Verrà quel giorno
in cui davanti a un sanguigno fuoco
udrò come funesto presagio
il canto di quel gallo.

E Ti bacerò.
E non veglierò.
E Ti tradirò.

Verrà quel giorno
in cui con tormento e pena,
mio malgrado,
sarò Giuda, Pietro e
ogni altro apostolo.

Verrà quel giorno...
il cuor intende,
perché la paura è titanica
e l'uomo pigmeo.

E Tu che farai?
Ci perdonerai ancora?
"Si. Fino a settanta volte sette."

 

3
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • alberto accorsi il 08/12/2011 19:32
    Purtroppo non sono riuscito a scovare nemmeno un po' di originalità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0