accedi   |   crea nuovo account

Mio cuore

stanco
d'esser relegato
nell'angolo buio
dell'abbaino,
tra mille ragnatele
e quintali di polvere
a ricoprirlo

stanco di sognar le stelle
ed immaginare
il canto d'amore della luna
attraverso le grate
di una finestra chiusa

stanco, mio cuore,
violino dimenticato,
attende il miracolo
dell'Amore, magico liutaio
che di lui si prenda cura,
lo ripari, ne accodi le corde
per tornare a vibrare
in trilli d'armonia.

Basterebbe
solo un suo soffio d'azzurro
a toglier polvere
e ragnatele
e farlo rivivere...

povero mio stanco cuore
assetato
di celesti nostalgie!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Sergio Fravolini il 27/10/2011 07:48
    "soffio d'azzurro" ...

    Sergio
  • Nicola Lo Conte il 26/10/2011 23:39
    "Basterebbe
    solo un suo soffio d'azzurro"
    Verrà... solo che non sappiamo quando...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0