accedi   |   crea nuovo account

Canto per i morti di Ustica

Urlano lamiere decomposte
nel cono ingovernabile della storia
portano la voce spezzata
di un volo che si scoprì maledizione.
Arde ancora
nel cielo infiammato di Ustica
l'impronta del velivolo designato
dalla mano accecata dal destino
a divenire creatura inghiottita dall'acqua
di un mare assonnato e indifferente.
Un istante, un istante solo
ruggito di mille ipotesi
lo squarcio assassino di un mig libico
o la scia accoltellante
di un altro aereo avvinto al suo volo
o la serpe in seno
di una bomba velenosamente celata
tra passeggeri festanti e ignari.
Ora non resta che l'ombra
di un cimitero di silenzi e perché
di morti cui ancora
concesso non fu il diritto
di comprendere perché siano state morti.
Accanto
sghignazzante e in soffocabile
il cimitero di verità
ricoperte dal guano ancora sanguinante
di depistaggi,
incarnati in stellette militari
o in pettoruti parlamentari e governanti;
in un angolo
tra scogli che non possono dimenticare
un parente dona le sue lacrime al mare
per farne una rete da pescatore
con cui estrarre l'autentica verità
lasciata tra gli abissi
da onde passeggere
cui Dio non diede il dono della parola
ma la missione di saper parlare.
Guarda
passa un altro aereo
nel cielo rispolverato degli anni
e disegna una traiettoria di due parole:
non dimenticare.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • cristiano comelli il 29/10/2011 21:47
    CHiedoscusa per l'imprecisione, Paolini è un attore, non un comico, mi scuso per l'errore.
  • cristiano comelli il 29/10/2011 19:23
    Cara signora Iotti, io mi rifaccio alla teoria di un grande comico che sul dramma di Ustica seppe parlare, sia pure in forma teatrale, in modo assai completo e delicato. Alla fine del suo spettacolo affermava questo: "i silenzi non si osservano, si cantano". Quindi mi permetta di non condividere quanto lei ha scritto perchè a volte il canto ricorda più del silenzio che è, per definizione, neutro.
  • Anonimo il 29/10/2011 19:19
    Non c'è canto ma solo silenzio. E silenzio per tutto ciò che è ingiustizia, mai saziata mai, mai...
  • loretta margherita citarei il 29/10/2011 17:35
    morto gheddafi non si saprà mai la verità e quelle persone ne i familiari avranno giustizia, apprezzatissima
  • Ada Piras il 29/10/2011 13:30
    Bellissima... DA NON DIMENTICARE... Condivido.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0