username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Notte di Halloween

Un vento gelido e impetuoso
infuria gagliardo tra le menti.
In questa notte, gli spiriti inquieti non trovano riposo,
esacerbando le loro povere vittime innocenti.

I teneri infanti, che le zucche han già intagliato,
marciano lentamente e a passo felpato
unendosi inconsciamente alle sinistre presenze,
la cui fonte di potere è legata alle altrui sofferenze.

"Dolcetto o scherzetto?", si sente riecheggiare
come un urlo diabolico lungo le vie semi-deserte,
mentre alcuni corvi con il loro soave gracchiare
chiamano in causa il re della macabra festa, che più dei suoi sudditi si diverte.

Il saggio druido ha appena spalancato il cigolante cancello del cimitero,
deciso come ogni anno ad intraprendere la millenaria lotta
contro coloro che passando colorano tutto di nero,
suonando la campana della morte senza sosta.

Oh, notte di terrore, che preannunci una festa di luce!
Il tuo esoterismo mi è dolce, in una maniera atroce.
Così come i tuoi bardi antenati
che di questa tradizione tanto ci hanno inebriati.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Antonio Vista il 01/04/2016 15:00
    Halloween una festa piena di mistero e di tematiche horror. Questa poesia si sposa correttamente con le tematiche di questa nota festività.
  • Anonimo il 27/04/2012 17:09
    Una notte davvero singolare e fortemente significativa è quella di Halloween per coloro che la vivono sotto qualsiasi aspetto. Sempre belle, piacevoli ed originali le metafore usate da questo autore per descrivere le emozioni criptiche del suo poetico sentire e vivere dentro ogni situazione. Un testo fantasiosamente ben scritto che spinge il lettore ad oltrepassare la soglia di quella magica notte dell'anima.
  • Daniele Giusto il 24/11/2011 13:41
    Ancora grazia, Carla, per aver colto la vera essenza di questa mia poesia. Mi fa più che piacere!
  • Anonimo il 24/11/2011 11:13
    notte di halloween... dolcetto o scherzetto... spiriti inquieti che aleggiano nell'aria cibandosi delle sofferenze altrui... saggi tenutari del male spalancano le porte di un mondo senza ritorno... iniziati che a loro volta tramandano tradizioni arcane...
    Bella mi ha fatto piacere navigare a modo mio tra i tuoi bei versi.. spero ti faccia piacere... bravo daniel...
    carla
  • Daniele Giusto il 30/10/2011 20:04
    Grazie, mio saggio amico!
    In effetti credo non sia facile comprenderla a prima vista.
    I tuoi consigli mi saranno sempre utili.
  • Anonimo il 30/10/2011 19:53
    L'ho riletta più volte, caro Dani, per coglierne la più segreta essenza. Ho capito che si tratta di una poesia molto visiva, in cui si danno il cambio scene e personaggi cari al tuo immaginario, che io, come sai bene, trovo estremamente affascinante perchè è anche il mio, in parte Mi piace il lessico, vario, naturale, evocativo, bravo Danieluccio
  • Anonimo il 30/10/2011 10:58
    Buon testo per una poesia, considerando anche la tematica non facile.
  • Daniele Giusto il 29/10/2011 19:44
    Grazie mille
  • Ada Piras il 29/10/2011 18:42
    Bella poesia... Buona festa..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0