accedi   |   crea nuovo account

Fine del tempo

Si dice di cose empie,
Incamminandosi per questa vita,
Prima di giungere alla saggezza.
Schiere di parole senza senso,
Di devoti imbecilli,
Che simili alla notte,
Ira e odio alimentando,
Vecchiezza e menzogna amano.
Or dunque svegliati,
Povero, misero e adorato mondo.
Senti il tintinnio delle genti
Che impazienti aspettano,
Da troppo tempo desiderato
Che la verità giunga.
Perchè riveli i tuoi disegni,
Prorompa la tua vendetta.
Dal tuo braccio possente
L'amore trionfi.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • rosanna gazzaniga il 06/11/2011 08:34
    Bellissima, intensa e vera: ci si nasconde dietro un'apparente dolcezza e disponibilità per colpire senza misericordia il prossimo e si violenta la natura. Ma l'ultima parola spetta a lei, che colpisce senza pietà quando si adira.
  • Vincenzo Capitanucci il 31/10/2011 10:03
    Quante parole empie... prima di arrivare alla saggezza..

    Molto bella... Salvatore... speriamo che l'Apocalisse.. sia una dolce rivelazione d'Amore.. che conquisti le genti... per-la Sua infinita bellezza... a cui nessuno possa... nel proprio cuore... resistere..
  • Stanislao Mounlisky il 30/10/2011 08:30
    possente invocazione d'apocalisse, bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0