accedi   |   crea nuovo account

Primo ottobre duemilaundici

Primo Ottobre duemilaundici
Un fulmine squarcia il cielo
romba il tuono e scuote la terra
percorsa da un vento di tempesta
e subitaneo appare
un radioso sorriso
ed uno sguardo sereno

Una forte quercia sfida il cielo
un esile giunco in disparte
si scioglie alle carezze del vento
chiede solo di potersi specchiare
in un tranquillo speco d'acqua
in un'anima gemella

Una grande tartaruga
dalla corazza temprata dal sole
ma dall'interno tenero
che teme il rondò delle aquile
voleva solo camminare adagio
seguire un suo corso
lasciando un grande solco
in cui far piovere piccoli semi

Infine un urlo ammutolisce
finisce l'odissea alla ricerca di se stessa
era mia MADRE

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Elisabetta Fabrini il 01/11/2011 08:12
    Non c'è dolore più grande... lo so bene...
    Un abbraccio Ely
    P. S.
    Sei bravissimo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0