PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La colpa di vivere

L'anima mia vuota e stanca
percorre scure strade di fango,
dove nessuno pone domande
perché non attende risposte,
dove si gioca a dadi con la morte
perché la vita mette davvero paura,
dove non si crede all'innocenza
perché non si conosce il volo di una rondine,
dove la felicità è un teorema
da nessuno mai dimostrato.
L'anima mia vuota e stanca
percorre i vicoli dell'umana indecenza
dove la colpa di vivere ancora si paga.

 

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 07/11/2011 13:48
    "la felicità ... un teorema da nessuno dimostrato..." quindi un assioma che pur non potendo essere dimostrato, è considerato vero... bella questa lirica Edmond complimenti carla
  • Nunzio Campanelli il 07/11/2011 12:11
    Grazie a voi
  • Anonimo il 06/11/2011 10:29
    Sempre una sensazione di deperimento emotivo avvolge chi legge i tuoi versi, al solito ben costruiti e sinceri nel loro esprimere una dolorosa e scura condizione esistenziale
  • Anonimo il 03/11/2011 19:45
    Levi parlava di colpa di (soprav )vivenza. Sì, siamo un branco di scimmie annoiate che sputano a caso.
  • loretta margherita citarei il 03/11/2011 18:48
    bella profonda poesia complimenti
  • Anonimo il 03/11/2011 11:26
    Bella e profonda poesia, amara ma che ancora apprezza l'innocenza della vita e il volo di una rondine. ciao
  • Michele Rotunno il 03/11/2011 10:00
    Ciao Ed, più che la colpa di vivere è il vuoto della vita stessa inteso come anticamera di un vuoto ancora più angoscioso.
    Scusami, ma oggi non mi sento positivo. Inoltre, in questa nuova impaginazione del sito mi sento come un perfetto estraneo. Non so, devo ancora farci l'abitudine.
    Ciao Ed, e su con quello che resta della vita.
    P. S. sai bene che ho fatto uno strappo perchè non commento mai le poesie. Ciao.
  • Anonimo il 03/11/2011 09:45
    Molto profonda, noi non accettiamo la sofferenza e la morte, delle quali nessuno di noi ha colpa, perchè abbiamo impresso nel dna il concetto di eternità... non posso in questa sede andare oltre... molto espressiva, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0