accedi   |   crea nuovo account

Paradigmi paradisiaci

Ebbrezza mia quando
ti sfugge dalle labbra
il mio sorriso quando
provi a riacciuffarlo
nell'aria con mani
di grazia sottile
e riportarlo alla bocca assetata

questo è il nostro tempo

Quando poi soffi sulla candela
al buio delle menti
al riparo nel nostro segreto
calde gocce di cera
scivolano sul velluto del tuo ventre

"ventre venustus, cunni cultrix, labbro vellutato".

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0