PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Silly man tradotto

Silly man leccava un Gelato,
piano piano, in modo delicato,
con rispetto e devozione,
quel Gelato, era la sua passione;

un giorno il Gelato gli fa:
"Io vado un poco in giro, tu resta qua";
il Gelato, mentre cammina,
o di sera o di mattina,
a chiunque gliela chiede,
offre una leccatina;

quando Silly man, viene a saperlo,
il Gelato afferma : " Perché non farlo?,
io son nato Gelato,
per essere leccato, sono nato,
perché pretendi l'esclusiva?
Non hai neanche la partita IVA! "

E Silly man deluso un'altra volta:
"Perché la panna montata da altri,
quando la vedo, lo stomaco mi rivolta,
ed un Gelato, da molti leccato,
è pieno di germi, è contaminato!"

Ora, il Gelato è lì,
per terra, squagliato,
e, da ognuno che passa,
calpestato...

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 05/01/2012 12:57
    Simpatica e acuta questa del gelato Luigi Deluca. A parte l'ironia insita nel verso, mi sembra di scovarci un nesso con qualcosa d'umano... che l'autore pensi al comportamento di una signora?!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0