PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Padre padrone

Mi hai sequestrato
volutamente bendata
per proteggermi dalla vista
di quelle cose che
ti avevano ferito.

Mi hai costretto
a dipendere da te,
a starti sempre accanto,
a vedere il mondo attraverso
i tuoi occhi,
ad aver forzatamente
fiducia in te.

Difficile fidarsi di chi
non può guardare negli occhi,
di chi mostra solo la parte forte
ed autoritaria di sè
per nascondere tutta la sua
fragilità

Non immagini quante cadute
ho preso per via
della tua benda di controllo,
quanti sgambetti che non
ho potuto schivare
la vita mi ha fatto,
perché non avevo esperienza
del mondo.

Ho imparato maldestramente
ad affinare l'udito,
ed ora sento ancora più vivo,
tutto quel dolore
che volevi mi fosse
risparmiato.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • augusta il 14/05/2013 14:04
    bravo... 1 beso
  • Roberto Tommasi il 30/11/2011 08:24
    Difficile meritarsi l'amore...
  • I. mpersonale F. ottuta-mente il 18/11/2011 22:38
    è per questo che non voglio avere dei figli... inevitabilmente entrerei a far parte di questa catena e farei solo del male...
  • Stanislao Mounlisky il 05/11/2011 07:44
    i padri sbagliano ma forse perchè hanno imparato da padri sbagliati. E i figli pagano, con gli interessi purtroppo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0