PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sotto un vento cupo

Le sinfonie sono finite. Di colpo. Improvvisamente è il risveglio.
Un tremito parte dalle vertebre e pervade tutto il corpo. Lui sa già
Che un cambiamento spontaneo porta sempre guai. Già trema.
Non si vedono più quei pennuti audaci svolazzare nel cielo,
nemmeno quei pennuti più ingenui che sprecavano la loro fiducia nell'uomo
avvicinandosi fiduciosi all'asfalto.
Ho un bruciore nelle vene, come se il sangue volesse fuggire.
Tanto nefasto è il mio destino?
Mettiti il cappotto che fuori fa freddo,
me lo hanno detto le piante, ed i monti è da molto che lo urlano.
L'aria ormai è ristagnante: troppi uomini l'hanno respirata.
Converrà comprare l'aria in scatola,
La vendono già alla bancarella dietro l'angolo.
Da quanto non vedi il celeste del cielo?
Io da molto credo.
Le nuvole ormai hanno fatto un muro in alto. Dio si starà cambiando.
Ma non mi dispiace, il grigio delle nuvole è un colore equo.
Il problema è la pioggia.
Quell'acqua che cade dal cielo è talmente corrosiva
Che tra poco si dovranno prendere gli ombrelli rivestiti di metallo.
Ma dall'alto dicono di stare tranquilli che tutto si aggiusterà.
E molti ci credono e vanno a letto con uno spontaneo sorriso sul volto.
Come se lassù avessero chiavi per aprire le nuvole.
Come se la natura avesse un capo a cui sottostare.
Ma in tanto il resto dorme felice e solo pochi si cacano realmente sotto.
Sento un dolce silenzio che precede la bufera,
Sembra quasi un silenzio liturgico. E
Sotto questo vento cupo, non per scelta nostra,
Ci troviamo a remare verso onde più alte di montagne.
Sotto questo vento cupo noi troviamo il tempo di impazzire.
Vediamo le nostre speranze che,
Come foglie rossastre di un albero in autunno, si staccano da noi
E volteggiano lievemente per aria
Per poi finire chissà dove. Sicuramente
Lontano dalla nostra ombra.
Io resto vigile e non penso ad altro.
Gli spifferi tengono lontano il riposo.
E questo vento cupo incombe sempre su di noi.
Attende il momento propizio.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • augusta il 22/02/2013 13:00
    mi spiace che tu non abbia nemmeno un commento... io personalmente la trovo meravigliosa... 1 beso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0