PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giochi di guerra

Giù nella piana caricammo i fucili
e ci addentrammo nel folto di un bosco.

Il paesaggio era innaturale,
troppo intatto per essere vero

Il silenzio moriva al calpestio
delle foglie
sotto di noi.

Il nemico non c' era,
C' erano i nostri fucili
e un tappeto di foglie
che cadevano
dagli alti rami.

Mi sedetti su un tronco
caduto e seccato
e iniziai ad attendere l' inverno
di un dicembre troppo caldo.

Nell' attesa
per errore premetti sul grilletto e
partì una raffica
per terra.

Qualcuno gridò :
"All' attacco!"
e li ebbimo
addosso
a spararci
ad ucciderci.

Ed uno a uno
fummo colpiti.

Nessuno cadde e nessuno morì,
caddero ancora altre foglie.

Nessuna ferita,
non sgorgava, a fiotti, il sangue.

Era soltanto un gioco di morte
in vita.

I nostri fucili lo sapevano
e lo sapevano anche le foglie
che cadevano.

Il bosco non si curava di noi
soffriva e
taceva

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Alessia Amato il 06/12/2008 15:28
    Tangibile immagine della guerra... il tema non soffoca i colori dell' autunno, una splendida stagione
  • Henry Chinasky il 27/05/2007 18:28
    Caro Renato, cosa non hai capito?
  • celeste il 27/05/2007 18:01
    non l'ho capita
  • Carmela Di Giovanni il 27/05/2007 09:30
    Giocare alla guerra con fucili
    carichi di colore... una bellissima riflessione...
    Bella poesia istintiva e bravissimo tu

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0