PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il riscatto

L'esecranda politica
ha ancora un popolo?
Non basta esporre
cartelloni e bandiere
per costruire con slogans
una verginità stuprata.
Non basta incamiciato
o anonimi incappucciati
sfilare nelle litanie.
Il popolo la casta
un binomio divergente
disperato e permanente
una linea immaginaria
infida e fatiscente.

Servo perché obbedisce
non domanda ciecamente,
padrone perché imperversa
come farmaco inquinante.
È il lavabo del cervello
l'arronzare della mente
il belare del branco.
Se questo è il nostro mondo,
nell'altro emisfero si muore
di fame di sete di niente,
evitiamo che il sangue
generosa linfa vitale
sia acqua per qualche bonsai,
liberiamo la vista la dignità
avanziamo uniti coesi
verso una nuova realtà.

Solo con questa tensione
e lo spirito di sopravvivenza
si compirà il nostro riscatto,
nella scacchiera della speranza
daremo al Re lo "scacco matto".

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 08/11/2011 18:12
    speriamo... ma ho paura che resti un sogno...
    bei versi
  • loretta margherita citarei il 08/11/2011 15:15
    devono andare a casa, gente nuova ed onesta ci vuole
  • Anna Rossi il 08/11/2011 13:26
    attendiamo una primavera italiana cosmopolita. molto interessante ciò che hai scritto.
  • anna marinelli il 08/11/2011 10:25
    speriamo che non resti un pio desiderio.. anche questo non soddisfatto! bella poesia d'impegno sociale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0