accedi   |   crea nuovo account

Post factum

Tra le macerie
di lamiere accartocciate
e di oggetti inzuppati,
una piantina
la testina
fuori tira,
e le sue foglie
aprendo,
agli occhi pianti
di quei poveri alluvionati
soavemente sussurra:
- Come le mie foglie,
che dall'oblio
di nuovo sorte sono,
così la vostra città
in ginocchio a lungo non starà!

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 10/11/2011 19:17
    Bel messaggio di speranza!
  • Vincenzo Capitanucci il 10/11/2011 09:48
    come una foglia... risorge da una gemma... Genova.. risorgerai dal lume della Tua Lanterna.

    Bellissima Don...
  • Stanislao Mounlisky il 09/11/2011 17:59
    bello il pensiero, bei versi di speranza, bravo
  • Anonimo il 09/11/2011 15:56
    bellissimo inno alla speranza Don... ci vogliono queste parole che danno tanta forza... bravo un abbraccio carla
  • Ada Piras il 08/11/2011 16:54
    Una piccola foglia come simbolo di speranza..
    molto bella... La Superba... in bellezza.. rinascerà.
  • loretta margherita citarei il 08/11/2011 15:08
    speriamo don, speriamo
  • Anonimo il 08/11/2011 13:45
    Bel paragone. È anche un augurio. Bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0