PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Avere fede

tra i miei
spogli rami
solo un nido vuoto..

perchè
preoccuparmi
se algido vento
sferza la corteccia
se ragnatele brinate
sono ora i sogni

se
la pioggia d'inverno
mi flagella
e le speranze
appaiono svanite
racchiuse in quella poltiglia
di foglie macere
cadute ai miei piedi?

Perchè pormi in affanno?
Squarciare l'animo
in afflizioni?

Ho l'assoluta certezza
che vane non sono
le preghiere innalzate
dalle scheletriche mie mani
al cielo.

Sotto il manto di neve
come il seme, attendo.

Accetto il mio
inverno...
ho nel cuore
un sogno di primavera...

 

3
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Antonio Balia il 10/04/2012 12:54
    Un sogno d'infinita primavera; che solo un sogno certamente non sarà!
  • Anonimo il 09/11/2011 21:31
    Bravissima.. una bellissima ode... complimenti!
  • Anonimo il 09/11/2011 17:01
    Cara Lor, ti auguro che la primavera non sia fredda come l'inverno. In questi anni il clima è cambiato molto! Sei sempre brava.
  • Anonimo il 09/11/2011 16:17
    Dopo l'inverno c'è sempre primavera. Bravissima.
  • Ada Piras il 09/11/2011 12:06
    Passerà in un baleno.. ho già negli occhi la primavera..
    Bellissima Loretta.. sei avanti.
  • anna rita pincopallo il 09/11/2011 09:26
    guardare sempre avanti "Accetto il mio inverno... ho nel cuore un sogno di primavera" bravissima molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0