accedi   |   crea nuovo account

Notte (Pensieri a galla)

Carnalità, lesa maestà
Di ambiguità
Intera ingordigia
Lettera così assassina

E credo che si affoghi
Nello spirito, nell'anima pulita
Quel che vedo sotto la mia lingua
Mentre ne lecco ogni singola ferita
Da sponda a sponda
Mi porta alla deriva

Spasmo nell'orgasmo
Candido vestito
Di onda in onda
La sua spuma
Tocco assaporando
Il piacere
Gusto della vita
Con le mie dita

Deliro detriti
Che mi tengono a galla
E ciò riporto in testa
Pensieri a galla
E ciò che è vano svanisce
E ciò che muore perisce
E tu sei felice? Tu sei felice?
Io son felice? Voglio dire ti senti felice?
Voglio capire se ti rendi felice

Condizione di umana indecisione
Percezione divina, cattiva intenzione
Che mi rende la vita vera induzione
Che la vera vita è sensazione

Mani nei cuori vedo i tuoi occhi
I miei fissanti le tue candide cosce

Dubbi che una notte
Non guarisce,
non svanisce
Poesia messa in rima
Nascosta che al morire dell'alba
Nessuno la può capire
Nessuno la sta a sentire
A sentire

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Solieri il 01/01/2013 19:49
    Io la metterei nei "Fiori del male". Ma resteresti molto all'ombra di Baudelaire. A qualcuno potrà piacere, l'intersecarsi del sesso con il pensiero della poesia.
  • Giacomo Scimonelli il 19/12/2011 15:20
    ''... Condizione di umana indecisione
    Percezione divina, cattiva intenzione
    Che mi rende la vita vera induzione
    Che la vera vita è sensazione...''
  • stella luce il 11/11/2011 16:09
    E tu sei felice? Tu sei felice?
    Io son felice? Voglio dire ti senti felice?
    ... bellissimi versi Giuliano... ed in tanti ti stanno a sentire ne sono certa...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0