accedi   |   crea nuovo account

Tango

Passi che si desiderano
musica di sentimenti
sorseggiano un ruscello di stanco rhum
come bambini che scoprono increduli
lo sciabordare di una fontanella;
la pista si lucida il colore
avanti, danze, componetevi
sotto l'ombrello compiacente
di frastagliati fraseggi
di fisarmonicisti che sbadigliano
e di vecchie pettegole che origliano
per smerciare segreti nuovi;
il sinuoso intarsiarsi delle gambe
confonde gli sguardi delle cameriere
e porge suggestioni vitree
al cavaliere muto della notte;
tu resti lì,
accanto alla tua solita pinta
tempo che riderai
per inventare nuovi modi
per inalarci un nuovo piangere
ma il ballo perservera
e non osa osservarti
estro di farfalla
scolpita in un vento orfano
dal ricordo di un ribelle ubriaco.
E il tango si invera
sull'ombra di scarpe screpolate
copia deforme e irriverente
di una presuntuosa armonia;
domani la sala
accoglierà nuovo rhum
per chiamare a raccolta i ballerini
come un'upupa che squarcia la notte.
Ancora nuovi temi da esplorare
mitico Astor
in questo luccicante porto argentino.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 03/09/2015 06:40
    apprezzata.. complimenti.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 09/11/2011 20:55
    bello leggerti mi complimento
  • karen tognini il 09/11/2011 19:59
    Caro Cristiano sei davvero un bravo poeta!!!.. sto commentando molto meno in generale... poi magari ti scrivero' privatamente per dirti qualcosa in più...

    E il tango si invera
    sull'ombra di scarpe screpolate
    copia deforme e irriverente
    di una presuntuosa armonia;
    domani la sala
    accoglierà nuovo rhum
    VERSI MERAVIGLIOSI... CIAOOOO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0