accedi   |   crea nuovo account

Ti condussero i treni della notte

Ti condussero i treni della notte
con le loro bandiere di vento,
giungesti dai luoghi
dove regna sovrana la neve,
dai luoghi d'esilio
dove brilla un sole freddo
ansioso di colline e di vellute mente
e dei garofani orlati dei balconi,
e di muschi ebbri di rugiada.

Giungesti improvviso,
come sparo che frantuma la quiete dei giorni,
come urlo nella notte dormiente,
come fiocco di neve sopra il pruno.

Ma tu giungesti
con le braccia colme di sorprese,
coi tuoi velieri rosseggianti nella notte,
con i tuoi specchi policromi,
per abbagliarmi come un'allodola,
per attirarmi nel tuo carniere,
per ospitarmi nel tuo abisso di dolore,
Amore.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Maurizio Spaccasassi il 09/11/2011 23:43
    Scenario che lavora molto sulle immgini per dare risalto ad una figura maschile che arriva dal nord quasi come fosse un invasione barbarica. L'autrice chiama amore e allo stesso tempo rende esplicita la causa del suo dolore.
    Ma tu giungesti
    con le braccia colme di sorprese,
    coi tuoi velieri rosseggianti nella notte,
    con i tuoi specchi policromi,
    per abbagliarmi come un'allodola,
    per attirarmi nel tuo carniere,
    per ospitarmi nel tuo abisso di dolore,
    Amore."

    Complimenti

    "

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0