PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Salvezza

Masso di malattia
improvviso precipita
sulla montagna di mia vita.
Barcollo sotto il suo peso immane.
Ma tu padre,
in luce sacerdotale
di tua preghiera,
capti il mio dolore
e premuroso mi lanci
la tua corda di fede
che io docile afferro
e sollecita recido
le mie sterpaglie di paure.
Mi rifiorisce dentro
l'immenso fiore della gioia.
Lo guardo trepida
e nella sua corolla
appare il tuo volto di padre,
mentre i petali cantano
in sorrisi di fratelli.
Ecco sono questi i segni visibili
Del Tuo Amore,
o mio Dio.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Sergio Fravolini il 12/11/2011 07:21
    Toccante nell'unico segno d'amore.

    Sergio
  • cristiano comelli il 11/11/2011 16:21
    Molto bella, un trovare Dio attraverso le carezzevoli regolarità cesellate da lui all'interno della natura. Dovremmo imparare a farlo tutti. Io per primo. Brava. Cordialità.
  • loretta margherita citarei il 11/11/2011 15:55
    bravissima complimenti
  • Ada Piras il 11/11/2011 10:21
    Bellissima e toccante... segno visibile del suo Amore..
    e della tuo credere.
  • Salvatore Maucieri il 11/11/2011 09:55
    Bella poesia che fa riflettere. Molto piena di speranza. Condivisa. Brava. Ciaooooooooooo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0