PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tranvai

i tigli muti e spogli nel cielo grigio di febbraio
nell'aria più fredda al mio passo sommesso
compagni di pensieri in rivolta
ora orientati alla fine della corsa del tranvai
saper di ogni stazione passata la bellezza
dei giorni spensierati in gioventù d'amore
il sole compagno ogni giorno
voler tornare indietro
riprendersi ciò che pareva non fosse niente
non gli impegni serrati che han riempito i momenti
risolto nella tasca gli adempimenti
imbottito di niente ogni angolo della mente
lasciando vuoto l'essere nascosto

saper di ogni stazione passata la bellezza
voler riprendersi il calore del sole
l'umanità con la natura nel suo splendore
disegno mirabile che nel firmamento ci fa roteare
in compimento all'armonia dell'universo
la segretezza della vita
pur nell'attimo che cogli già fuggita
riprendersi ciò che era la speranza
i tigli muti e spogli in abbraccio
nel cielo grigio di febbraio
nell'aria fredda al mio passo sommesso
compagni di pensieri in rivolta

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/10/2013 05:18
    apprezzata, complimenti..

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 17/12/2011 17:40
    ''... la segretezza della vita
    pur nell'attimo che cogli già fuggita
    riprendersi ciò che era la speranza
    i tigli muti e spogli in abbraccio
    nel cielo grigio di febbraio
    nell'aria fredda al mio passo sommesso
    compagni di pensieri in rivolta''

    chiusa da favola.. vera poesia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0