username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

MASCHERE A VENEZIA

L'aria profuma di festa,
dolciumi, risa e burla
fan da sfondo
e l'atmosfera gioiosa resta.

Sfilano le maschere tra le vie virtuose,
adornate dai coriandoli e dalle stelle filanti
stupiscono lo spettatore che per vederle si fa avanti.

Ecco Arlecchino servo sbadato e sguaiato
che di pezze il suo vestito è cucito,
salta, canta e sorride ai Signori
ma ne fa davvero di tutti i colori.

Intelligente, abile ed inetto
è Pulcinella nel suo napoletano perfetto.

Si fa largo Balanzone
ciarliero e dottore saccente
ma molto spesso truffa la gente.
Burbero e brontolone
fa credere di essere un gran sapientone,
vantandosi del suo sapere appena si presenta l'occasione.

Ma il vero "paron" di casa è il vecchio mercante veneziano,
avaro, bizzarro, autoritario e pure brontolone:
il suo nome è Pantalone.

C'è poi Brighella servo furbo e attaccabrighe
insieme alla graziosa e vivace Colombina,
servetta briosa e alquanto furbina.

Questa é Venezia
che del suo Carnevale
ne ha fatto un evento davvero originale.

 

6
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Raffaele Arena il 16/08/2011 23:54
    e dire che nei giorni normali, i veneziani son sempre a travagliare e pochi se ne vedono in giro per la loro citta'... mentre nel giorno del carnevale li vedi ma in maschera, allora mi domando CHi sono i veneziani? Hanno davvero capito tutto del mondo probabilmente, o di quel che era prima dell'era attuale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0